Meridiane a Cerreto Guidi

Orologio solare di via Santi Saccenti

L’esigenza di misurare il trascorrere del tempo è sempre stata di straordinaria importanza per lo sviluppo e la sopravvivenza delle civiltà. I primi tentativi di misurazione del tempo sono comparsi con l’avvento dell’agricoltura, legati per esempio all’individuazione dei periodi di semina e di raccolto.

Uno dei primi strumenti inventati dall’uomo per la misurazione del tempo è stato la meridiana. Il suo funzionamento si basava sull’osservazione dell’ombra del Sole e su come essa cambiava durante le ore del giorno e con lo scorrere delle stagioni. La meridiana era costituita da un palo infisso su un piano e faceva da indicatore di dove doveva trovarsi l’ombra quando era mezzogiorno. In alcune case rurali, veniva fatto un segno sul pavimento o sul davanzale di una finestra, per indicare quando l’ombra di una determinata cosa toccava l’istante del mezzogiorno.

La meridiana si è poi evoluta in orologio solare. In questo caso il piano su cui si muoveva l’ombra del Sole veniva suddiviso in 12 spicchi per avere dei riferimenti più precisi del progredire dell’ombra nella parte diurna della giornata. Questi divennero le “ore”, che inizialmente furono definite come un dodicesimo del tempo compreso tra l’alba e il tramonto.

Altro esempio di orologio solare

Tuttavia, così facendo, le ore dei giorni estivi risultavano più lunghe di quelle dei giorni invernali, perché il periodo di luce d’estate era più lungo di quello invernale. Un altro importante svantaggio dell’orologio solare fu quello di non funzionare di notte o nelle giornate nuvolose.

Per questo motivo venivano sviluppati anche orologi alternativi basati sul progredire regolare di eventi. Le clessidre a sabbia o ad acqua, per esempio, sono un semplice dispositivo basato sulla regolare fuoriuscita di sostanza da un contenitore forato. Tuttavia solitamente indicavano la “durata” ma non il “tempo”.

Girando per il borgo di Cerreto Guidi ci possiamo divertire a scovare le meridiane sulle facciate delle case e ammirarne la loro logica semplicità.

Oggigiorno le meridiane hanno perso la loro funzione pratica. Nell’epoca dell’orologio atomico possono apparire anacronistiche, ma hanno ancora qualcosa da insegnare: ci fanno riscoprire il misterioso corso degli astri ed il ciclo delle stagioni e ci mostrano l’immutabile “ombra” del tempo.